L’incantevole Pietrasanta

In evidenza

E dire che non c’ero mai stata e che me la immaginavo diversa, ne conoscevo la gemella marina ma non lei; E invece in un’afosa sera d’agosto ci siamo andati e ho scoperto una meraviglia toscana. Ha un corso pieno di negozietti e di tante gallerie d’arte, una particolarità è quella di addobbare il corso con delle farfalle colorate di carta appese a dei fili. I negozi invece hanno poltrone di vari colori e piante che addobbano l’esterno. Camminando lungo il corso si arriva alla piazza del Duomo di San Martino, costruito sembra da un certo Donato Berti. Bellissimo dentro e fuori con il campanile  con la sua scala elicoidale da far girare la testa e le bellissime statue di Manolo Valdès. Io amo questo artista, lo avevo menzionato già in occasione del Pontile di Tonfano e la sua scultura dal viso di una donna “La Pamela”. Le sue figure femminili adornano la piazza, arricchendola, dandole un tocco magico, artistico, di sensualità. E’ inoltre ricca di locali carini e  accoglienti richiamo perfetto per i turisti.

Annunci

Salamarzana, borgo in festa

Mi piacciono le feste medievali e infatti ne vado a caccia. Ci sono tanti borghi che in diversi periodi dell’anno rivivono in festa un’epoca storica. È il caso di Monteriggioni, Volterra per citarne alcuni riferendomi alla Toscana. Salamrzana dà il nome ad una festa che anima il paese di Fucecchio in provincia di Firenze. Viuzze e case antiche e bancarelli, artisti di strada, arcieri, giullari e acrobati ogni cosa al posto giusto che merita di essere visto.

Schiacciata con l’uva

Diamo il benvenuto a settembre e ai suoi frutti come l’uva che viene raccolta in questo periodo per la vendemmia. Dalle mie parti in toscana usiamo l’uva rossa e per l’esattezza quella apposita per questo dolce detto ” schiacciata con l’uva”. Io prendo anche la pasta al forno e dopo averla stesa con il mattarello ci metto l’uva schiccat. Stendo lo zucchero con il cucchiaio e ricopro con un altro strato di pasta. Ricopro con l’uva e zucchero. Un filo d’olio extravergine sopra e voilà in forno per 40 minuti a 20p gradi. Durante la cottura l’uva rossa rilascia un “sughino”rosso che grazie ad un cucchiaio stendo sulla schiacciata, effetto caramello. Buon appetito

La nuova vita del turismo in Versilia

Da sempre in Versilia c’è il turismo di massa ma a dire la verità quest’anno c’è stato un calo delle presenze rispetto agli anni passati. Se gli stagionali sono stabili, si assiste invece al turismo “mordi e fuggi” un po’ come in tante città d’arte. Questa formula moderna di turismo mette in crisi gli albergatori e gli stabilimenti balneari che non fanno più i pieni di una volta sebbene ci sia chi anziché lamentarsi si ingegna a fare di meglio. La stagione è stata fiacca a cominciare da maggio, complice un clima sfavorevole a causa della pioggia. Poi è stata recuperata in corsa. Presenza di molti stranieri oltre ai conosciuti inglesi e tedeschi che si stanno timidamente affacciando in Versilia la maggior parte provenienti dall’Europa dell’est. Chi sono? Ucraini, Ungheresi, polacchi, i russi sono molto presenti al Forte dei Marmi. Altri invece dall’Europa del nord. Occorre potenziare le risorse e farsi ben conoscere da questi nuovi potenziali clienti e cercare di evitare un turismo frettoloso. Un consiglio che do è quello di curare di più l’ambiente: maggiore pulizie delle strade, cura della pineta ed eventi. Il Jova Beach party ha acceso molto bene i riflettori su Viareggio e la Versilia ha molto da offrire. 😀

Pietrasanta si rinnova d’arte

Pietrasanta ogni anno mi sorprende nella sua semplicità cambia sempre e si arricchisce d’arte. Nella piazza del suo bellissimo Duomo si riempie di sculture. L’ammo scorso toccò ai vokti di donna di Manolo Valdès, quest’anno alee sculture di Pablo Achtubarry. E così si assiste a scultre a tema: amicizia, figlio della montagna, il fiore. Il suo Corso piwno di gallerie d’arte invita ad alzare gli occhi e ad ammirare altalene fiorite. Fateci un salto se siete in Versilia.